AVVISO

La Chiesa Anima Universale COMUNICA
che la celebrazione delle funzioni domenicali delle ore 10 (Darshan)
è temporaneamente SOSPESA fino a NUOVO AVVISO.
(Vedi www.animauniversale.it)


lunedì 1 febbraio 2016

Altrimenti sono guai !

Leggendo stamattina il “Canto della vigna”(Is 5,1-30), nel quale Isaia denuncia la degenerazione del “vigneto-popolo di Israele” nonostante le cure amorevoli del “vignaiolo-Dio”... mi sono soffermato su questo versetto:
“Guai a quelli che chiamano il male bene e il bene male, che cambiano le tenebre in luce e la luce in tenebre, che cambiano l'amaro in dolce e il dolce in amaro”(Is 5,20)
Le parole di questo monito profetico mi fanno oggi pensare ad una "tipologia" particolarmente grave di male... cioè a quello compiuto da coloro che poi mistificano la realtà pur di rifiutarsi di riconoscerlo.
Percorrendo questa strada i "guai" di cui parla Isaia sono "assicurati"... in conseguenza del fatto che il male commesso diventa irreparabile proprio quando, anziché chiamarlo "per nome", si mente a sé stessi e si fa ricorso all'interminabile lista di “giustificazioni” che l'umano opportunismo è sempre pronto a fornire.
Ascoltare queste “sirene” alimentate dall'amor proprio, significa infatti diventare sordi ai richiami della coscienza... finendo così con l'aderire al “profilo” di quanti fanno il male negando che sia male, e quindi negando a sé stessi ogni possibilità di ravvedimento

Nella direzione opposta vanno invece coloro che hanno il coraggio di esercitare con obiettività il giudizio su sé stessi, “smascherando” il male... e creando dunque la prima indispensabile condizione per poterlo poi sradicare da sé con un ravvedimento concreto, accompagnato dai fatti.

« Non disperare mai. 
Dio dona sempre un’altra possibilità per rimediare i propri errori e colpe. Coraggio! »
       (Swami Roberto)




Prossima puntata: Amore in azione